A.A.A. Antirazzista Anonimo Anguillarino

Me ne stavo sbracato ai giardinetti
a pommicia’ cor sole marzolino,
che rompe ‘sti momenti benedetti
uno che parla cor telefonino.

« Ahò, ma che t’inventi: IO RAZZISTA ?
  NUN ME LO DEVI DI’ MANCO PE’ SCHERZO !
  Ma Anguillara così nun l’ho mai vista,
  nun la conosco più, me sento perso !

  Sti popoli dell’Est, ma che ‘gnoranti !
  Li polacchi, i rumeni, l’albanesi
  vònno esse trattati co’ li guanti.
  Si nun li paghi poi… fanno l’offesi !

  E i negri che te fermano pe’ strada
  pe’ vennete le carze alte e basse ?
  E nun se ne po’ più, so’ ‘na masnada
  Vorrei sape’ si pagheno le tasse !

  E poi quer muso giallo der cinese !
  C’è ‘n negozietto nòvo ‘gni mattino,
  ormai se sta a compra’ tutto ‘r paese.
  Vedrai: …ce sembrerà de sta a Pechino ! »

Mentre parlava sbriciolava ‘r pane.
Co’ l’animo gentile e ‘r còre fiero,
lo dava ‘n pasto drentro a le fontane
ai pesci rossi. Non a quello nero.

 

* Dedicata umilmente e indegnamente a Lucio Dalla,
in ringraziamento delle emozioni che mi ha regalato
e che porterò nel cuore per il resto della mia vita.