Ottobrate anguillarine

La Marmotta

A fine Ottobbre ho fatto ‘r bagno ar lago.
So’ annato verso pranzo a La Marmotta,
‘ndo er cielo drentro ar lago se cappotta
‘r confine tra i due arimane vago.

Un pescatore, abbandonato er remo,
‘nfirzava ‘n esca viva co’ li diti,
li pini me guardeveno stupiti.
pareveno pensa’: ” …Ma questo è scemo ! 

L’acqua era fredda, sì, ghiaccio bollente ! ,
però pulita, chiara e trasparente
come appena sortita da sorgente.

Lassava addosso lacrime turchine
che ‘r sole evaporava come brine.
So’ queste l’ottobbrate anguillarine!