La pennichella

Finalista al premio Scarpellino 2016

La Pennichella di Gasperino il Carbonaro

La Pennichella di Gasperino il Carbonaro

Appena poco dopo che se magna,
n’ quell’attimo fuggente alla controra
‘ndo ‘r giorno se rallenta e se scolora,
te pija l’abbiocco e ariva la papagna.

La parpebbra te cala giù a livella
e ‘n po’ mezzo sdraiato e mezzo a séde,
mezzo ar buio e mezzo che se vede,
saluti ‘r monno e fai la pennichella.

A Roma è antichissima ‘st’usanza,
è ‘n rito sacro che vie’ celebbrato
da li potenti e la cittadinanza.

Dorme ‘r Papa, ‘r Ministro, ‘r Deputato,
li nòvi Re coi conti e la finanza
e dorme ‘r popolino cojonato.

* Dedicata al regista Luigi Magni

Annunci