La pennichella

La Pennichella di Gasperino il Carbonaro.

Appena poco dopo che se magna,
‘n quell’attimo fuggente alla controra
‘ndo ‘r giorno se rallenta e se scolora,
te pija l’abbiocco e ariva la papagna.

La parpebbra te cala giù a livella
e ‘n po’ mezzo sdraiato e mezzo a séde,
mezzo ar buio e mezzo che se vede,
saluti ‘r monno e fai la pennichella.

A Roma è antichissima ‘st’usanza,
è ‘n rito sacro che vie’ celebbrato
da li potenti e la cittadinanza.

Dorme ‘r Papa, ‘r Ministro, ‘r Deputato,
li nòvi Re coi conti e la finanza
e dorme ‘r popolino cojonato.

Finalista al premio Scarpellino 2016

* Dedicata al regista Luigi Magni