Don Totò

De André Murolo

Roberto Murolo e Fabrizio De André

Io me chiamo Clemente Manara
e qui a Anguillara ci abbito ahimè,
io me chiamo Manara Clemente
e so’ residente dar novantatré

e ar primissimo ballottaggio
quasi quasi me sento a disaggio
pe’ fortuna che qui ner totale
c’è n’ omo geniale che parla con me.

Pe’ cinquanni con ‘ste sanguisughe
che manco le buche ce sanno tura’
pe’ ‘n lustro co’ sti communisti
sficati e ‘n po’ tristi, che stavano a fa’ ?

ma alla fine se torna ner seggio
nun so’ sceje e ‘n po’ m’amareggio
me consijo cor mio don Totò
me spiega che che voto e bevemo ‘r Cirò.

A che bòno er Cirò
ma che vino che sanno fa’
mica come quer bianco e quer nero
a chilometro zero
che ciavemo qua.

Sui giornali locali l’elenco dei mali
e ‘r Comune sta zitto e che fa
s’oppone, propone, dispone
e poi su L’Agone se va a lamenta’
io me gratto deluso la testa
però c’è che me da ‘na risposta
che me spiega che voto e che ciò
io chiedo consenso al mio don Totò.

Un poraccio co’ tanta pazzienza
ha aperto ‘n baretto e mo vo’ la licenza
mentre quell’assessore, nun vojo fa’ nomi,
la nega e sta a rompe i cojioni
voi ve basta ve preghi e ve implori
che po’ mette li tavoli fòri
co’ rispetto mo è tardi però
volete la Claudia o volete ‘r Cirò ?

A che bòno er Cirò
ma che vino che sanno fa’
mica come quer bianco e quer nero
a chilometro zero
che ciavemo qua.

A che bòno er Cirò
ma che vino che sanno fa’
mica come quer nero e quer bianco
du’ calici ar banco
che gusto che cià.

Co’ st’Euro balordo da mo ‘n ciò più ‘n sòrdo
ma ‘r mutuo lo devo paga’
ciò er conto che aranca, la banca me sfianca
in mutanne me vòle lassa’
aggiungete mi’ fija Concetta
mo’ sta gravida de ‘na pupetta
còr marito se vòle sposa’
je serve ‘na casa pe’ annacce a abbita’.

Voi ciavetete ‘n cappotto cammello
che sur manifesto eravate ‘r più bello
un vestito blù de Valentino
così m’è sembrato sopra ‘r volantino
pe’ ‘ste nozze Eccellenza Divino
me prestate pe’ facce ‘r paino
me ce metto la sciarpa bordò
bevete la Claudia o bevete ‘r Cirò ?

A che bòno er Cirò
ma che vino che sanno fa’
mica come quer bianco e quer nero
a chilometro zero
che ciavemo qua.

A che bòno er Cirò
ma che vino che sanno fa’
mica come quer vino rosato
ciò ‘r cranio sfonnato
che male me fa.

Nun ce se raccapezza più co’ la monnezza
‘n se sa ‘ndo la devi butta
mentre lì a Cupinoro ce troveno d’oro
e senza sta’ a differenzia’
don Totò io pe’ voi faccio ‘r tifo
risorvetece bene ‘sto schifo
che ogni anno quei quattro compari
sto cazzo de TARI ce stanno a aumenta’.

A proposito ‘n fo vittimismo
però mi’ cognato cià ‘n agriturismo
già cià fatto cinquanta condoni
e mo ciarrotonna co’ li matrimoni
quello viene da voi domattina
Eminenza vo’ fa la piscina
con il vostro consenso però
brinnamo a Anguillara co’ questo Cirò !

.

Vabbè, se proprio vòi fa ‘r karaoke… ma fallo col testo mio !

Scusa, Fabrizio ! (clicca qui per il testo originale)



Annunci