Le nozze di Paola e Mauretto

Le nozze di Paola e Mauretto

Se sa che l’omo ‘n pensa mai a sposasse
e puro quanno cià ‘n fiore de donna
cincischia, ‘n po’ fa’ ‘r vago, ‘n po’ tentenna,
insomma, nun cià prescia a maritasse.

MAURETTO a PAOLA je diceva: « Aspetta,
ce lo sai già che t’amo e ce sai pure
che gioia so’ ‘ste splennide creature,
te vojo da sposa’, ma senza fretta…  »

Ciaveva duro ‘nsomma ‘r comprendonio,
ma ‘n giorno se ‘mpegnò: « Quanto sei bella !
Prometto de pijatte ‘n matrimonio

si ‘r Sinnaco ‘n bèr giorno è tu’ sorella ! »
Ma robba da nun crede, un manicomio,
ma li mortanguerieri, ahò che jella !

 

 

Annunci