La vacanza di assessori

BUONE VACANZE

‘Na vòrta che te piji quarche ‘mpegno
te tocca da portallo fino ‘n fonno,
dovresti fa così, cascasse ‘r monno,
sinnò poi qualcheduno paga pegno.

Chi sceje te ce sta’ a mette la faccia
e, si è ‘na persona che arispetti,
o lassi perde oppure ‘n te dimetti,
sinnò je fai da fa’ ‘na figuraccia

e la promessa de ‘n giro de vite
sur sano e sull’onesto amministrare
poi sòna come “ Armamoce e partite ! 

pe’ l’elettori e la cittadinanza.
Tra ‘r dire e ‘r fare c’è de mezzo ‘r mare:
è mejo pija’ ‘r costume e anna’ ‘n vacanza !

 

Annunci