A Rossella

Rossella

‘Na zingara, leggennome la mano
n’anticchia prima che poi te ‘ncontrassi,
me disse: « Er granne amore è qui a du’ passi ! »,
ma j’arisposi : « See… Annamo piano ! »

Te l’aricordi n’po’ ‘r detto latino ?
Ner nome ognuno cià la propria essenza,
er fato, la raggione, la semenza.
Nér nome tuo… ce stava ‘r mio destino !

Cupido, ‘mprovvisatose pittore,
ha attinto er Rosso dalla tavolozza
e a me, che nun so’ re, né ‘mperatore,

‘n so’ principe e n’ ciò manco la carozza,
tu m’hai soriso e io ho secreso amore,
m’hai aperto ‘r core ‘n due come ‘na cozza.

 

Annunci