L’arberi ammazzati

il-lavoro-di-attila

‘Ndo passa Attila, nun cresce più l’erba…

Me piace sta’ a Anguillara, è ‘n bèr paese
e ‘r posto ‘ndo vivemo è ‘na godura:
er lago, er bosco, l’aria, la natura,
ma nun stai mai a riparo da sorprese.

Tornanno a casa becco ‘n grosso schiaffo:
quell’arberi fioriti ‘n ce so’ più,
tajati alla radice, Bòn Gesù!,
che Attila ar confronto je fa’ ‘n baffo!

Pensa’ che cognoscevo quer boschetto
‘ndo l’arberi esplodeveno de giallo,
ciavevo scritto puro ‘n bèr sonetto.

Tajallo tutto sai che ce dimostra ?
Tra ‘n po’ verà quarcuno pe’ asfartallo
Me vie’ solo di’: mortacci vostra !

Clicca qui per leggere “I giardini di Marzo (di Anguillara)”

 

Annunci