Paese mio che stai in riva al lago… ( Che sarà )

Anguillara Sabazia, di Francesco Cassone, acquerello

Paese mio che stai in riva al lago
co’ tutti i sòrdi che ogni giorno pago
pe’ avecce dei servizi
scadenti perlopiù
qui pensano che sémo de caucciù.

Amore mio qui va de male in peggio
che più se cambia e più se raschia er fonno
che tanto drentro ar seggio
cémo fatto er girotonno
e nun se sa chi cazzo più vota’.

Onestà, onestà, onestà
ma che senso ormai cià ‘sta parola qua
san far tutto o forse niente
ma lassamoli lavorà
e sarà, sarà quel che sarà.

A Martignano nun ce sta più gnente
parte tornato indietro de cent’anni
mo vallo a spiega’ alla gente,
avoja a rifa’ li bandi,
quest’anno chi c’è annato, n’torna più.

Onestà, onestà, onestà
ma che senso ormai cià ‘sta parola qua
san far tutto o forse niente
ma lassamoli lavorà
e sarà, sarà quel che sarà.

Dar lago l’acqua è annata tutta via
e l’artra partirà ‘r prossimo agosto
butacce ‘na bottija
d’acqua 
nun lo sarvera’
mo tutti inisieme annamoce a piscia’.

Onestà, onestà, onestà
ma che senso ormai cià ‘sta parola qua
san far tutto o forse niente
ma lassamoli lavorà
e sarà, sarà quel che sarà
…e sarà, sarà quel che sarà !

…e se hai cantato metti un “Mi piace” !

Annunci