Sfarcidiati

Pe’ estenne a tutti quanti ‘r “porta a porta
‘r Comune nun riccoje più li sfarci,
li sòrdi nun ce stanno, ce so’ intrarci
e la coperta – dice – è troppo corta.

È come da scopri’ poi  l’acqua càrda
di’ che chi n’ cià ‘n giardino o ‘n praticello
nun deve da paga’ ‘n antro barzello
pe’ ‘sto servizzio che nun je riguarda.

Dell’amministrazzione so’ strateghi !
Se pagano ‘ le tasse pe’ i servizzi
che usi, tutto er resto te ne freghi.

E’ ‘n gran lampo de genio inaspettato,
vedrai tu che entusiastici giudizzi:
er pubblico somijerà ar privato.

* sonetto scritto su cortese richiesta di Matteo Prandi.

Annunci