Lo stagno de Bracciano

Lo stagno de Bracciano

Ciannavano a sguazza‘ li regazzini
tra nugoli de schizzi a fasse ‘r bagno,

si vedi ‘r lago mo pare ‘no stagno,
co’ l’acqua alle cavije e li girini.

Io nun me ce rassegno e me ce lagno:
nun cianno voce più li cittadini,
qui conteno sortanto li quatrini,
bojaccia e maledetto sia ‘r guadagno !

Le piogge de l’inverno poi nemmeno
ce so’ riuscite a scenne giù ‘n soccorso:
c’è sempre ‘n metro e mezzo d’acqua ‘n meno.

Er lago è morto, c’è “bassa laghea,
e manco ‘n pentimeno né ‘n rimorso
da parte della Raggi e dell’ACEA.

Annunci