La baia dei porci

Stracotto ar sole come ‘na bruschetta,
me dico: « Mo me squajo, ‘n ce riesco,
magari ‘n riva ar lago fa più fresco,
me fo du’ passi, vo ‘n cerca d’arietta. »

La madre dei zozzoni è sempre ‘ncinta,
perché mentre cammino vedo tracce
de plastica, de vetro e de cartacce.
Tra me, me dico: « Nun je la do vinta ! »

Così ogni tre passi, da cojione,
riccorgo i resti de ‘sti gozzoviji
p’annalli poi a butta’ drentro ar secchione.

Si ognuno porta via ‘n po’ de monnezza,
magari ‘nsegneremo ai nostri fiji
la cura dell’ambiente e la bellezza.

clicca qui per leggere la storia della “vera” Baia dei porci.

Buon Ferragosto! 

Annunci