Er profugo de Betlemme

È nato er Sarvatore della Tèra
in una grotta, ar freddo, in Palestina,
è appena nato, ancora nun cammina,
ma deve d’anna via, ché c’è la guera.

Vorebbe veni’ qui e portasse appresso
la granne mortitudine de gente
che nella vita proprio nun cià gnente,
chi è povero, affamanto, schiavooppresso.

Vorebbe aregalaje a tutti quanti
‘na vita senza odio e senza torti
pe’ chiude cór passato, pe’ anna’ avanti.

Vorebbe veni’ qui, ma resta fòri.
Nun riesce a entra’ si je chiudemo i porti
e, soprattutto, nun j’aprimo i còri.

Buon Natale 2018 !

Annunci