La Befana vien di notte, senza se e senza ma

La Befana vien di notte
e ce porta sòle rotte
mentre gridaHonestà“,
senza se e senza ma.

Vola in cielo in tutta fretta,
sai che cià nella carzetta ?
L’acqua pubblica è ‘n diritto
però lei la da in affitto,
anzi, in nuda proprietà,
senza se e senza ma.

E la partecipazzione ?
Solo un sacco de carbone
ché lassù, nell’arte sfere,
i Comitati de Quartiere
nun la devono scoccia’,
senza se e senza ma.

Cià promesso trasparenza,
ma ‘n ciavempo più pazzienza:
nella sua tóre d’avorio
nun ascorta er teritorio,
manco più l
i cittadini,
fa divieti e taja i pini
pe’ sua sola volontà,
senza se e senza ma.

Che ce dice la Befana ?
La legalità è sovrana“,
poi però ce sta ‘n pasticcio:
sòrte fòri quarche impiccio,
se combatte, in senso lato,

un bèr round de puggilato,
quarche abbuso qua e là,
senza se e senza ma.

Co’ la scopa de saggina
la sporcizzia via trascina
pe’ nasconne, suo margrado,
tutto quanto er degrado:
la monnezza e l’acquedotti,
strade e tanta ipocrisia
pe’ chi sta in periferia,
e ormai più nun je la fa,
senza se e senza ma.

Mo speramo, ar nòvo anno,
‘n faccia quarche artro danno;
mejo proprio che ‘n fa gnente,
ché ‘gni vòrta è intraprennente,
e ‘sta cosa ormai è palese,
sempre peggio è pe’ ‘r paese,
è la triste verità,
senza se e senza ma.

Vie’ stanotte la Befana
co’ le carze e la sottana
pe’ portacce la carzetta.
Po’ veni’, ma senza fretta,
ché nisuno qui l’aspetta,
le sue chiacchere e parole
qui nisuno più le vòle.
Giunti a questo punto qua,
sai si che dovrebbe fa’ ?
Lei se ne dovrebbe anna’,
senza se e senza ma.

Annunci