La Sirena der lago de Bracciano

Premio “Vincenzo Scarpellino” 2019
Sonetto Secondo classificato della sezione Poesia 

La Sirena der lago de Bracciano

‘Na storia, vera o no tra più belle,
ricconta che ‘na vòrta ‘na Sirena,
‘na notte che ce stava luna piena,
sortì dar lago pe’ guarda’ le stelle.                                               

Sdraiata sulla riva, sotto ar cielo,
fissava co’ poesia e l’occhi sognanti
quer mare nero zeppo de diamanti
che la copriva tutta come ‘n velo.

Restò rapita e libberò la mente,
je parve che quer cielo je parlasse
e s’addormì così profonnamente

che ‘n Angelo lì in volo, pe’ paura
che ‘r sole der matino la bruciasse,
la fece diventà de sabbia scura.

* Dedicata all’ignoto autore della Sirena di sabbia nei pressi de La Marmotta.

 

Annunci