Il nome de Rosa

Il cellario non rispose, ma il suo silenzio era abbastanza eloquente.” Tratto da “Il Nome della Rosa” di Umberto Eco – Quinto giorno, Nona.

PROLOGO
Ner basso medioevo, in tempi bui,
si er Sacro Movimento rinnegavi,

‘n inquisitore, er gran Bernardo Gui,
t’abbruscava sur rogo co’ le travi.

TRAMA
Umberto Eco è noto in tutto er monno
pe’ ‘n romanzo che parla de’ ‘n convento
indove ormai ce se viveva a stento,
indove ormai s’era toccato er fonno.

Nun ce se crede: ne ‘sto monastero,
edificato in tera sabbatina,
ce stava ‘n omicidio gni matina
che rimaneva avvòrto ner mistero.

Chi t’aveva ammazzato Martignano ?
E chi li commitati de quartiere,
er turismo, er teatro ? Chi er Montano ?

L’enigma fu risòrto da quer tale
– un frate francescano, de mestiere –
fruganno ner palazzo Baronale.

EPILOGO
Cercanno drentro ar tetro labbirinto,
‘ndo tutto se faceva pressappoco,
l’idea je venne e s’era anche convinto…
ma, grazzie a Dio, poi nun je diede fòco !