Anguillara squajata

Fa ‘n callo che te svampa la capoccia,
er sole t’arincoccia co’ li raggi,
t’apparono de botto li miraggi
e córi a rinfrescatte co’ ‘na doccia.

Nun riesci più a capi’ quello che vedi…
La discoteca è chiusa pe’ l’estate ?
Le buche nun l’avevano asfartate ?
La scòla pe’ davero nun sta ‘n piedi ?

Arivano ‘ste orde de turisti ?
Chi va a butta’ li sfarci mo fa prima ?
Li critici, so’ solo disfattisti ?

‘Sto callo squaja la popolazzione,
però ce sarà certo quarche cima
che dice ch’è ‘na nostra percezzione.