La società dei magnaccioni

“A noi ce piace de magna’ e beve…”

L’Estate piano piano se n’è annata
e tutta quanta la cittadinanza
s’è stata a rimpinza’ sempre la panza.
Còr pesce fritto er via dell’abbuffata,

poi li fiori de zucca e la ciambella,
e dopo li fregnacci e le pizzòle
che più ne magni e più che se ne vòle,
poi ancora la sangria co’ la paella

Insomma qui stai sempre a panza piena 
– è ‘na prerogativa, er nostro vanto ! – 
da noi tra colazzione, pranzo e cena

è tutta ‘na magnata da paura !
Però ‘n sarebbe ‘r caso poi, ‘gni tanto,
de fasse ‘na attrippata de curtura ?

Annunci