Ma il LAGO è sempre più BLÙ

Chi chiama er bagnino, chi fa er salottino,
chi cià ‘r sangue amaro, chi fa er fagottaro,
chi è gente grezza, chi lassa monnezza,
chi poi se stupisce, chi poi nun pulisce,
chi affitta mosconi, chi fa captazioni,
chi beve e chi ciuccia, chi ce vòle a cuccia,
chi inventa un decreto, chi mette un divieto,
chi se copre er dorso, chi vince il ricorso,
na na na na na na na na na na.

Ma il LAGO sempre più BLÙ…
Ma il LAGO sempre più BLÙ…

Chi trova una blatta, chi ha ‘na scòla de latta,
chi ha l’aula allagata perché l’hanno lavata,
chi “tutto è perfetto”, chi poi copre il tetto,
chi non è un babbeo, chi sfila in corteo,
chi è stato votato, chi è miracolato,
chi sfoglia i tarocchi, chi ha ‘r prosciutto sull’occhi,
na na na na na na na na na na.

Ma il LAGO sempre più BLÙ…
Ma il LAGO sempre più BLÙ…

Chi è presidente, chi parla e nun sente,
chi fa le domanne, chi nun je risponne,
chi arza le braccia, chi allora te caccia,
chi s’è candidato, chi vie’ allontanato,
chi ha i voti vincenti de amici e parenti,
chi Francia o chi Spagna, abbasta che magna,
chi Cuba o Maldive, abbasta che scrive,
chi Siria o Qatar, abbasta che appar,
na na na na na na na na na na.

Ma il LAGO sempre più BLÙ…
Ma il LAGO sempre più BLÙ…

Chi “rubbano l’oro”, chi “a casa loro”,
chi “guarda un po’ quello, un euro a carello”,
chi “ormai ‘sto paese è quasi cinese”,
chi “azzero le spese, me vie’ l’arbanese”,
chi “pago de meno e chiamo er rumeno”,
chi è animalista, però poi è razzista,
na na na na na na na na na na.

Ma il LAGO sempre più BLÙ…
Ma il LAGO sempre più BLÙ…

Chi se sente appagato da ‘n supermercato,
chi pija e se fionda, chi fa baraonda,
chi córe sudato che nun ha magnato,
chi cià l’allergia a qualsiasi libbreria,
chi musica e arte la mette da parte
che “a mòve l’aratro nun serve ‘n teatro”,
chi a Vigna de Valle s’è rotto le palle
che una palude er lago je occlude,
na na na na na na na na na na.

Ma il LAGO sempre più BLÙ…
Ma il LAGO sempre più BLÙ…

Chi la strada dei Monti, chi sondaggi e confronti,
chi cambia convento, chi le luci del centro,
chi rompe il cerchione, chi la coalizione,
chi crea la cultura, chi nun se ne cura,
chi studia e chi lègge, chi resta ner gregge,
chi posta sui social, chi è un’anima in pena,
chi “a” qualche problema, chi “ha” tutti fa strano,
Prima l’italiani”, ma non l’italiano,
chi scioglie e chi lega e chissenefrega,
na na na na na na na na na na.

Ma il LAGO sempre più BLÙ…
Ma il LAGO sempre più BLÙ…