Li barconi ar tempo der carogaviruse

C’è quello che ‘n voleva li barconi,
adesso ‘nvece tutti lì affacciati,
tutti a sona’, a canta’ mezzi stonati
l’inno de Italia o “Noi sèmo i campioni“.

Vabbè, la qualità sarà ‘n po’ scarza,
ma è ‘nutile parla’ de ‘sta questione:
er senso è che ‘n s’arenne, ‘sta Nazzione,
e, puro quanno cade, s’ariarza.

La partecipazzione è collettiva,
nisuno vòle da sentisse escluso
e ognuno grida « Forza ! », grida « Evviva ! ».

‘Sta robba è ‘na ficata, è ‘na fazezzia !
Speramo che però rimanghi chiuso
‘r barcone che sta giù a Piazza Venezzia.