L’uguajanza ai tempi der carognavirus

So’ annato a fa’ la spesa stamatina
e prima d’entra’ ‘nder supermercato
distrattemente me so’ riggirato
e ho visto tutti in guanti e mascherina.

‘Na fila lunga lunga de persone,
de ogni razza, etnia e de colore,
chi senza sòrdi, chi senza l’amore,
d’ogni pensiero, idea e religgione.

Ognuno stava ‘n fila co’ rispetto,
cosciente e solidale in mezzo a tutti,
senza guarda’ nisuno co’ sospetto.

« ‘Sto monno qui è ‘n miraggio, » me so’ detto
« è ‘na chimera che cela li lutti
inflitti da ‘sto virus maledetto. »