Er 25 Aprile der ’45

Quer giorno lì l’ITALIA se persuase,
davero era finita, mo, la guèra
e a li profumi della primavera

s’aprireno le porte delle case.

Quer giorno lì ‘na cifra de persone
sorti’ pe’ respira’ quell’aria pura,
ché nun ce stava più la dittatura,
nun c’era più er confino e la priggione.

Quer giorno lì chi stava su li monti
sognanno seppellito sotto a ‘n fiore
sorise e je tornòrno tutti i conti.

‘Na folla che da tanto ‘n s’era vista
quer giorno lì, pe’ nun scorda’ l’orore,
gridò « VIVA L’ITALIA ANTIFASCISTA ! »

Clicca sull’immagine per vedere la pagina de “L’Agone” dove è pubblicato il sonetto-