In nome del Papà Re

Fa’ ‘r sindaco se sà è ‘na vocazzione
e quanno che t’ariva la chiamata
der Municipio va sempre ascortata,
generazzione pe’ generazzione.

Er Medioevo ? Nun me meravijo…
Pe’ noi co’ le sinapsi de ‘n amebba,
pe’ noi poracci, servi della glebba,
er padre dà la successione ar fijo.

La gente vòle er nòvo ? Acconntentata !
La so’ stati a senti’ e je danno ‘n dono
‘n insipida minestra riscallata.

Er vecchio Re ha abdicato. Damme retta,
ormai a rimane’ ‘nchiodata ar trono
c’è solo la Reggina Elisabbetta.