Feragosto, Sindaco mio nun te conosco

Ma ‘nsomma, ma chi so’ sti candidati ?
Quarcuno cià già detto che ce sta,
quarcuno ce l’ha detto ‘r suo papà,
quarcuno, ‘nvece, manco l’ha trovati.

S’è persa ‘na grannissima occasione,
dopo ‘r macello che cianno lassato,
de rinnega’ li sbaji der passato,
de dimostra’ saggezza e più coesione.

Ognuno se cortiva ‘r suo orticello,
innaffia ‘r suo legume e poi li drammi:
se sa ‘ndove finisce quer baccello !

Ormai alle votazzioni manca ‘n mese.
‘Ndo so ‘ li nomi, ‘ndove li programmi ?
Ma quanno cambierà mai sto paese ?