Ninna Nanna contro la guèra

Dedicata, indegnamente, al grande Trilussa.

Fai la ninna bèr creaturo,
chiudi l’occhi benedetti,
sogna tutti l’angioletti
che da poco hai salutato
pe’ veni’ su questa tèra,
‘ndo ce sta sempre ‘na guera,
‘ndo ‘n insegna mai ‘r passato
‘ndo paura fa er futuro.

Bèr pupetto, fa’ la nanna,
ché la gente mo se scanna
pe’ ‘n cojone dittatore
che pe’ mire d’espansione
va a attacca’ ‘n antra nazzione
e minaccia, pe’ anna’ ar mare,
l’olocausto nucleare
senza ave’ manco pudore,
senza ave’ manco vergogna
e ce tiene sulla gogna.

Ninna nanna cocco bello,
dormi e chiudi l’occhi santi
così ‘n vedi tutti quanti
che hanno fatto ‘sto macello,
che co’ gran diplomazzia
fanno crede ar monno intero
d’esse onesti e di’ er vero,
d’esporta’ democrazzia
e ce rennono felici
e ce rennono contenti
pe’ da’ sfogo all’armamenti,
ché “quell’antri” so’ i nemici.

C’è la Cina comunista
che però è capitalista
e me pare mo de fatto
un pidocchio ch’è arifatto.
C’è la Russia e c’è la NATO

che so’ schiave der mercato,
dei profitti e i sòrdi visti
dall’imprese e l’azzionisti
tanto che ormai in battaja
più che co’ ‘n eroica azzione
er nemico se sbaraja
aumentanno l’inflazzione,
mo se strigne In una morsa,
senza manco un cararmato
e pe’ rennelo stremato
je se fa’ crolla’ la borsa.

Dormi pupo e sta contento
ché è ‘na cosa der momento,
tanto dopo ‘ste battaje
a chi vince nun conviene
che chi ha perso ‘n cià risorsa
pe compraje pure a stento
le materie da esportaje.

Ninna nanna, nanna ninna,
dormi e attaccate alla zinna,
sogna un monno soridente
‘ndo ‘n ce so’ più li potenti
a detta’ alla pòra gente,
che pe’ tirà avanti aranca,

ordini e regolamenti
pe’ rimpisse er conto in banca
co’ li sghei dell’armamenti.

Dormi amore, fijo bello
e che Dio te benedica,
ché poi quanno riapri l’occhi
‘r monno sarà sempre quello,
co’ li granni capoccioni
ariuniti in un drappello
che con orgojo e co’ decoro,
con impegno e voce amica

in tutte le televisioni
ce diranno paroloni
pe’ spiega’: « Tutto risòrto ! »,
co’ ‘n soriso sopra er vórto.

Dormi ancora e nun sentilli,
fa li sonni più tranquilli.
Ce diranno che ‘n so’ offesi,
ce so’ stati malintesi,
che so’ stati dei farlocchi,
mo so’ tutti ben felici
d’esse ritornati amici
e che uniti insieme adesso
so’ a favore der progresso,
d’ora in poi se impegneranno
de risorve le questioni
arestanno tutti carmi
senza usa’ mai più le armi
contro le popolazzioni
e poi ce prometteranno,
co’ ‘na voce, tutti in coro,
additanno li trofei

der Dow Jones e der Nikkei,
pace, libbertà e lavoro.

Dormi, fa un bèr sonnellino,
ché poi tutto er popolino
se sarà tranquillizzato,
più contento e cojonato.

* Dedicata, indegnamente, al grande Trilussa.