Famo 100 passi e passi la guèra.

Suonare la chitarra con Alessandro Lembo di Generazione Musica è come fare due palleggi con Francesco Totti.

Mafia e guèra so’ ‘n paro de’ parole
che stanno lì a ronzacce in de le recchie
come mosche d’estate sotto ar sole.

So’ trite e so’ ritrite, usate, vecchie
che quasi nun te metteno a disaggio,
le vòrte ormai sentite so’ parecchie.

Però mo stamio qui, er Nove Maggio,
pe’ ricorda’ chi ha fatto er ficcanaso
co’ competenza, satira e coraggio

e li mafiosi è annato a pija’ pe’ ‘r naso,
pe’ loro ‘n fatto proprio inaspettato,
de bile je faceva ave’ ‘n travaso.

La guèra della mafia l’ha ammazzato,
troppo scomodo, troppo irispettoso,
ma ancora vive Peppino Impastato.

La guèra della mafia, è doloroso,
ha fatto fòri tanta gente onesta
co’ ‘n filo de violenza sanguinoso.

Guèra e mafia me fanno veni’ in testa
che so’ parole che, a mettele appresso,
si metti quella là ar posto de questa

er risutato poi è sempre lo stesso.
La mafia della guèra è ‘n concetto
che viene dimostrato bene adesso.

Quanti sòrdi cór solito vizzietto
de dichiarà che la democrazzia
è morta, s’è ammalata o sta in difetto

guadambia ogni industria o compagnia
quanno se fa la corsa all’armamenti
facenno da ingrassa’ chi è alla reggia ?

Nun famo i fessi e stamo bene attenti,
so’ boni a ricerca’ qualunque appijo
pe’ fa’ l’affari d’oro, li potenti !

Vorebbi solamente da’ ‘n consijo
a chi ce gode a fabbrica’ le armi
come a ‘n fratello, anzi, come a ‘n fijo.

Sarebbbe mejo stassene più carmi,
de còre ve lo faccio mo ‘st’appello,
pe’ fa’ ‘na vita senza tanti allarmi.

Le bombe ar fosforo ? Sta a senti’ ‘r bello:
invece de schiaffallo nell’ordigni,
ve fate n’overdose ner cervello

pe’ favve inteliggenti e più benigni,
e poi dalla coscienza, è garantito,
v’annate a toje quei brutti macigni.

E poi le armi all’uranio impoverito ?
Tra guèra e pandemia ce sta ‘n incendio,
l’uranio poveraccio mo è sfinito,

lassallo in povertà è ‘n vilipendio,
‘na vita veramente vergognosa
Aumentateje, cazzo, ‘sto stipendio !

Infine vojo solo di’ ‘sta cosa,
co’ tutto ‘r fiato che ciò ner torace
e oggi è pe’ davero doverosa.

So’ du’ sentenze, si  nun ve dispiace.
1. La mafia è ‘na montagna de’ gran merda !
2. Abbasta guere, lassatece ‘n Pace !